Macron ha proposto un disegno di legge, che credo sia stato approvato, che istituisce come in Italia 11 o 12 vaccini simultaneamente. […] Da osservatore di buon senso dico il numero dei vaccini è troppo elevato, non è una cosa ragionevole

In una video intervista pubblicata il 6 dicembre 2017 dal canale Youtube PandoraTV, Marcello Foa esprime il suo pensiero sui vaccini:

Crescere informandosi: “Manipolazione dell’informazione e vaccini, che idea si è fatto?

Marcello Foa: “Mi sono fatto un’idea… innanzitutto io vivo in Svizzera, lavoro in Svizzera nel Canton Ticino, i vaccini non sono obbligatori. La gente può scegliere di non vaccinarsi e la popolazione non è particolarmente malata [ride]. Lo stesso, ad esempio, avveniva in Francia fino a Macron. Macron ha proposto un disegno di legge, che credo sia stato approvato, che istituisce come in Italia 11 o 12 vaccini simultaneamente. Allora, anche li io affronto questo tema con buon senso. Ovvero, i miei figli sono nati in Italia, sono stati vaccinati con i vaccini previsti quando erano bambini. Io credo che bisogna essere ragionevoli, io non sono un medico però conosco abbastanza bene il corpo umano e ho parlato con dei medici che ti dicono “iniettare 12 vaccini in un arco di tempo molto ristretto nel corpo di un bambino provochi uno shock al corpo del bambino, molto forte, che rischia di danneggiare quello che è il suo normale equilibrio”. Perché questo viene fatto? Io non ho una risposta certa, però ci sono molte risposte possibili: c’è chi dice che ci guadagnano sui vaccini, c’è chi dice che invece in questa maniera provochi ad esempio un aumento delle allergie o delle malattie indotte che inducono poi il consumo dei farmaci. Io non so quale sia la risposta. Da osservatore di buon senso dico il numero dei vaccini è troppo elevato, non è una cosa ragionevole, secondo me i vaccini dovrebbero essere limitati allo stretto indispensabile e solo per malattie davvero gravi. La poliomielite, ad esempio, ecco, nessuno.. non vediamo più gente che ha i difetti fisici di un malato di poliomielite. Ecco, in questo caso la vaccinazione… e questo avviene da quando c’è la vaccinazione, però iniettare 12 vaccini… io da bambino non c’era il vaccino contro la rosolia, neanche il morbillo, e va beh…. non era una malattia così terrorizzante come oggi, cioè…ce la siamo fatta tutti [incomprensibile, forse “almeno”] questa malattia. Per cui c’è anche molta strumentalizzazione e forse quello che provoca poi una reazione da parte del pubblico è proprio la sensazione di essere ingannati. E poi, lo dimostra il Canton Ticino, lo dimostra la Francia, lo dimostrano altri Paesi, non è necessario imporre i vaccini. La maggior parte della popolazione ha cura il benessere dei propri figli e se parla… ha fiducia nel proprio medico il medico consiglia di fare un certo tipo di vaccino la maggior parte della gente lo fa, però un conto è un consiglio medico ragionato, un conto è un’imposizione di uno Stato che criminalizza chi osa mettere in dubbio. Per cui, oggi siamo arrivati a questo punto e secondo me è questo l’aspetto inquietante. 12, 10, 11, quanti sono, è troppo.

Fonte: Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *